Vai al contenuto

la fine dell’estate

agosto 18, 2015

tieni da conto le mani per quando piove. tieni da conto la bocca per quando c’è il sole. risvegliata la sete, tornerà a stendersi la neve su tutti quei stormi appesi sui muri. stormi di carta, voci di colore, carne mossa, controluce, dai vetri distratti delle cose comuni.

ciascuno rapito le funi per grattarsi la schiena contro le nuvole,

teniamole da conto nel mattino fiacco, gelido torrente nel senso del restare, riposti i bagagli, condotta una abitudine.

prendi nota di me, non più lavagna ma lavanda, stelo temprato.

ti dedico me leggera. i miei volti al guinzaglio. e tutti i colori lavati, dai corpi, nei corpi.

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: